08/04/2016

Yale con Nissan Italia nel centro d’Italia

Nissan Italia & Yale

Nissan Italia: la storia

A Capena, situata sulla via Tiberina in provincia di Roma, Nissan Italia ha posto la sua sede per rispondere con efficacia e puntualità alle esigenze di vendita e di distribuzione di ricambi automotive per mercato italiano. Proprio l’Italia è per il marchio giapponese il terzo mercato in Europa: un mercato in forte crescita si traduce in una domanda di ricambi crescente e con sempre maggiori aspettative in termini di servizio e capacità di stoccaggio.

La sede distributiva Nissan Italia di Capena è il principale centro di distribuzione ricambi per l’industria automobilistica a livello nazionale. I ricambi presenti in magazzino arrivano dai due impianti di produzione europei in Spagna e Regno Unito, oppure dal Giappone transitando per i magazzini di Amsterdam e Barcellona. Attivo dal 1988, il centro ricambi si sviluppa in un’area di servizio complessiva di oltre 10.000 mq, di cui 7.500 operativi, e movimenta circa 6.000 linee al giorno.

Il livello di stoccaggio del centro è complesso: Nissan utilizza magazzini con altezze di 6 metri dove vengono riposti migliaia di pezzi di ricambio, ognuno dotato di codice a barre e radiofrequenza. Nel 2014 il centro distribuzione ricambi è arrivato a gestire 1.369.000 righe d’ordine in uscita, per un totale di quasi 92.000 spedizioni. Ogni giorno il magazzino gestisce circa 200 spedizioni alternando gli ordini per 16 concessionari contemporaneamente e gestendoli attraverso circa 50 linee. Le referenze gestite complessivamente sono all’incirca 35.000: il magazzino è diviso per tipologia di ricambio secondo parametri di peso, dimensione e volume, ed i codici a più alta movimentazione sono situati vicino alle aree esterne ed ad altezza uomo. I ricambi, seppur di diversi pesi e grandezze, viaggiano in casse di legno standard di tre dimensioni, profonde 2,3 metri ed ad altezze variabili da 70 cm a 2,5 metri. Questa soluzione di stoccaggio permette l’immagazzinamento di componenti molto grandi, come i lamierati, all’interno della stessa cassa.

La fase di prelievo dei ricambi di piccole e medie dimensioni è quella su cui è stato maggiormente coinvolto il personale di magazzino per trovare la soluzione migliore alle esigente di movimentazione dei ricambi stoccati.

Logica e logistica a marchio YaleⓇ

La collaborazione tra Nissan Italia e Yale risale al 2002 quando il concessionario Antonelli Carrelli Elevatori Srl, con sede a Roma, riuscì a vincere l’appalto per la manutenzione del parco carrelli esistente, composto da 43 macchine provenienti da diversi fornitori. La partnership fu il preludio di una lunga collaborazione anche di carattere commerciale che, nel 2005, vide la prima fornitura di carrelli elevatori Yale. Si trattava di quattro MO10-43. L’approccio professionale di Antonelli diede i suoi frutti, soprattutto a fronte dei tentativi di rientro della concorrenza, e nei due anni successivi Nissan Italia implementò ulteriormente il parco macchine acquistando prima altri otto modelli MO10-43, poi due carrelli frontali ERP16AAF, un sollevatore MS15X e due transpallet MP20XD.

Esigenze del cliente al primo posto: una strategia vincente

Nel 2011 Nissan Italia avviò un progetto di rinnovo del parco macchine mediante la formula del full-service, selezionando a livello nazionale il partner migliore in grado di rispondere a questo tipo di esigenza. Nonostante la forte concorrenza, Antonelli si confermò ancora una volta la scelta giusta: “Decisi di adottare una strategia abbastanza semplice: quando si è numericamente più deboli, è consigliabile evitare lo scontro diretto per spostare la gara su un piano più congeniale” afferma Cristiano Antonelli, dalla concessionaria romana di Yale. “Proposi a Nissan Italia delle formule innovative di rinnovo e l’azienda, da sempre predisposta all’innovazione, decise di implementarle A seguito del nuovo appalto in cui era richiesto di prendere in consegna l’intera flotta e sostituirla con altri macchinari, tra i quali qualcuno nuovo, mantenendo però le 17 macchine di recente acquisto. Rimasero solo due fornitori, tra cui Antonelli. Il dealer di Roma decise di proporre un valore di buy-back dei carrelli su misura per Nissan Italia. Un’offerta che incontrò le esigente di Nissan Italia: Antonelli acquistò dunque l’intero pacchetto alla cifra più conveniente per il cliente e fornì successivamente 7 MO E AC e 3 ERP 16VT nuovi di fabbrica in sostituzione delle macchine più vecchie, conservando il totale di 43 carrelli in esercizio. “Nissan è andata così, – conclude Cristiano – una storia di notti d’agosto a pensare ad una strategia vincente”.

Grazie alla flessibilità delle proposte commerciali di renting e vendita, anche di prodotti usati, Yale fornisce soluzioni ad hoc per ogni azienda, mettendo al primo posto le esigenze del cliente.

Oggi Antonelli Carrelli Elevatori, distributore esclusivo Yale per l’area di Roma, fornisce servizio di assistenza e manutenzione due volte alla settimana presso la sede Nissan Italia per la flotta di carrelli a noleggio, comprendente i modelli per immagazzinamento ad alto e medio livello e i transpallet elettrici e frontali.